Teatro Ermanno Fabbri, Vignola. la Stagione 2019-2020

di Redazione #Vignola twitter@modenanewsgaia #Inscena

 

Dopo la pausa estiva, la città torna a rianimarsi e il teatro riprende il suo ciclo naturale, con un nuovo anno di attività che ERT Fondazione propone al Teatro Ermanno Fabbri di Vignola. Lo fa iniziando con una festa d’inaugurazione, domenica 6 ottobre, che riapre simbolicamente le porte ai suoi abitanti, un invito a ritrovarsi rivolto agli spettatori.

Il titolo scelto per la stagione 2019/ 2020 è Bye bye 900‘? , che vuole essere un‘occasione per riflettere sul presente, per interrogarci su quali strumenti di analisi siamo in grado di ereditare dal secolo scorso e su chi siamo e come cambiamo. Porre domande, suscitare dubbi, sollevare riflessioni, innescare stimoli è parte stessa del teatro, nel suo essere luogo di incontro e condivisione, per il singolo cittadino e per la comunità.

In coerenza con questa idea di teatro, nonostante la delicata e difficile situazione di sofferenza generale del sistema teatrale italiano, ERT Fondazione, in quanto Teatro Nazionale e Teatro Stabile Regionale, si assume la responsabilità a cui è chiamata: svolgere un servizio pubblico, con la ferma volontà di non venire meno agli impegni presi con le istituzioni, gli spettatori e gli artisti e di portare avanti la sua progettualità, pensata e costruita, giorno per giorno, in tre anni di lavoro. L’impegno è tanto più significativo se si considera anche la recente decurtazione da parte del MIBAC, a fronte di una conferma della qualità e della dimensione dell’offerta culturale della struttura, riconosciuta dal Ministero stesso – con i suoi 95,85 punti – come il primo Teatro Nazionale del Paese.

Per un verso su questo taglio», dichiara Longhi, «pesa l’esiguità delle risorse messe a disposizione del sistema teatrale nazionale, insufficienti anche in rapporto alla mole di attività che la logica competitiva ha generato in questi ultimi anni. A questo si associa un meccanismo di assegnazione dei finanziamenti che genera effetti distorsivi proprio rispetto a quel principio di competitività su cui si regge il Decreto di riparto del FUS (ad esempio tagli a fronte di aumenti di punteggio). Confidiamo dunque nel fatto che il Ministro voglia prendere atto di questa situazione, ponendovi al più presto rimedio».

Al fine di dare forza e continuità alla propria progettualità, la Fondazione lancia LovERT una “chiamata” alle aziende, agli imprenditori e ai professionisti, che condividono gli intenti di ERT e scelgono di supportarla per un maggior benessere sociale, culturale, civile ed economico del nostro territorio, storicamente sensibile a questi valori e a quest’idea di sviluppo.

A Vignola vanno in scena da ottobre a marzo 22 diversi titoli per un totale di 25 recite di spettacolo incluse le matinée dedicate alle scuole. Un cartellone ricco e articolato che si muove tra grandi interpreti, come Giuseppe Battiston che in Wiston vs Churchill interpreta il politico che ha cambiato le sorti dell’Europa nel bellicoso trentennio fra il 1915 e il 1945; Stefania Rocca, accanto a Massimiliano Gallo e a un nutrito cast, è diretta da Alessandro Gassmann ne Il silenzio grande. A firmare il testo è Maurizio De Giovanni, autore napoletano di libri di successo, come Il commissario Ricciardi o I bastardi di Pizzofalcone, da cui è stata tratta l’omonima e fortunata serie televisiva che vede lo stesso Gassmann impegnato nel ruolo dell’ispettore Lojacono.

Nella nuova stagione del Teatro Fabbri spazio anche alla comicità di Angela Finocchiaro che in Ho perso il filo è alle prese con il Minotauro nei panni di Teseo; dopo i riconoscimenti e i successi televisivi che l’hanno portata alla conduzione del Festival di Sanremo 2019 insieme a Claudio Bisio e Claudio Baglioni, Virginia Raffaele presenta a Vignola il suo nuovo spettacolo, Samusà.

Si ispira al libro Barzellette, uscito a gennaio 2019 per Einaudi Stile Libero, l’ultimo e omonimo lavoro teatrale di Ascanio Celestini. Attraverso la loro quotidianità, il linguaggio ironico e popolare, le barzellette permettono a Celestini di ricordarci che possiamo ridere di tutto e soprattutto di noi stessi.

Oltre agli spettacoli, fondamentale e irrinunciabile per ERT è “L’altra stagione“: l’universo delle attività che si irradiano sul territorio coinvolgendo i cittadini e le sue istituzioni.

Nella volontà di creare un rapporto privilegiato con la cittadinanza, nasce inoltre la nuova Compagnia stabile di ERT Fondazione, alla cui cura sono affidate molte attività che si sviluppano nel corso dell’anno, come i Blitz! un ciclo di lezioni-spettacolo condotto nelle aule scolastiche in orario didattico. Sempre sul “versante Scuola“, oltre ai Blitz!, ERT propone a Vignola la stagione di Teatro per Ragazzi e de La domenica a teatro, le Lezioni spettacolo e i Classroomplay. In coerenza con l‘attenzione destinata alla formazione, è stato infatti appena rinnovato il Protocollo d‘Intesa triennale con l’Ufficio scolastico della Regione Emilia-Romagna per i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (ex alternanza scuola-lavoro), che conducono gli alunni a vivere il mondo teatrale e le sue dinamiche a diretto contatto con i professionisti del settore.

Alla radio sono dedicati due importanti progetti: Dietro le quinte: il teatro come non lo avete mai sentito, ideato con NetLit, che per il secondo anno porta il teatro negli studi di Radio Città del Capo (programma realizzato e condotto da Massimiliano Colletti e Chiara Colasanti); e L’ora del vero sentire. Passioni, incontri e scaramanzie dei protagonisti della stagione ERT, quindici appuntamenti curati da Piera Raimondi Cominesi su RadioEmiliaRomagna, per scoprire i segreti e i sogni di chi sale sul palco.

Sempre in ambito radiofonico, per la stagione 2019/2020, RAI Radio3 diventa main partner della Fondazione anche in virtù di una comune progettazione su vari fronti.

Fino a mercoledì 2 ottobre è possibile acquistare qualsiasi formula d’abbonamento FABBRI 10, PROSA 9, e CARNET 5. Per favorire una maggiore trasversalità, a partire da quest’anno nasce la CARTA OPEN 5 SPETTACOLI, l’abbonamento che consente di scegliere liberamente tre spettacoli al Teatro Fabbri e due spettacoli fra tutti i cartelloni dei teatri ERT (Teatro Storchi e Teatro delle Passioni – Modena, Teatro Arena del Sole – Bologna, Teatro Dadà – Castelfranco Emilia, Teatro Bonci –Cesena).

Sempre in questa direzione va Tutti a bordo: si parte! un servizio di navette che consente di assistere alle proposte più interessanti dei cartelloni delle altre città di ERT. A partire da giovedì 3 ottobre è aperta la vendita dei biglietti per le singole rappresentazioni.

Il sipario si alza il 24 ottobre con Ho perso il filo: un’insolita Angela Finocchiaro si mette alla prova con linguaggi espressivi mai affrontati prima per raccontarci, con la sua ironia e comicità, il viaggio di un’eroina maldestra e anticonvenzionale.  La stagione prosegue poi il 20 novembre con Wiston vs Churchill: Giuseppe Battiston incontra Wiston Churchill per indagare il mistero dell’uomo attraverso il linguaggio teatrale. Tratto dal testo Churchill, il vizio della democrazia di Carlo G. Gabardini, lo spettacolo mostra il politico in un presente onirico, capace di parlare a noi e di noi oggi con una precisione disarmante.

Il 18 dicembre va in scena una delle produzioni ERT, Riccardo3. L’avversario di Francesco Niccolini, liberamente ispirato a Riccardo III di William Shakespeare e ai crimini di Jean-Claude Romand. Un inedito Riccardo III, diretto e interpretato da Enzo Vetrano e Stefano Randisi, che vive e tenta di capire il presente, alla ricerca delle origini del male e delle sue molteplici forme.

Annig Raimondi il 7 gennaio porta in scena La commedia della vanità: il testo, scritto fra il 1933 e il 1934 dal premio Nobel per Letteratura 1981 Elias Canetti, è un testo distopico che si basa su tendenze e pericoli percepiti in una società che si prepara ad accogliere un regime totalitario acclamato dalla massa. È una delle tre opere teatrali canettiane, pressoché sconosciute, offuscate dall’imponente Massa e potere e Auto da fé, considerate dall’autore come sua massima espressione letteraria.

Il 16 gennaio è la volta di un grande artista abituato a muoversi fra teatro, letteratura e cinema: Ascanio Celestini porta in scena il suo nuovo spettacolo Barzellette, ispirato all’omonimo libro uscito per Einaudi a gennaio 2019. Celestini sceglie di confrontarsi con questo particolare tipo di linguaggio perché permette di smontare e conoscere l’inconscio attraverso l’ironia e perché tutte le barzellette ci permettono di ridere di ogni tema ma soprattutto di noi stessi.

Alessandro Gassmann firma la regia de Il silenzio grande, in scena il 31 gennaio. Autore napoletano di libri di successo, come Il commissario Ricciardi o I bastardi di Pizzofalcone, da cui è stata tratta l’omonima e fortunata serie televisiva che vede lo stesso Gassmann impegnato nelle vesti dell’ispettore Lojacono, Maurizio De Giovanni firma per la prima volta una commedia teatrale.

L’8 e il 9 febbraio il Teatro Fabbri ospita Samusà, il nuovo spettacolo diretto da Federico Tiezzi di Virginia Raffaele, attrice e conduttrice televisiva, specializzata in ruoli comici e in imitazioni. Artista dall’immenso e versatile talento, che l’ha condotta a presentare il Festival di Sanremo 2019 insieme a Claudio Bisio e Claudio Baglioni, la Raffaele ripercorre qui la sua infanzia, trascorsa nel luna park in cui i genitori hanno lavorato.

Lisa Ferlazzo Natoli firma la regia della produzione ERT When the Rain Stops Falling (Quando la pioggia finirà) dell’autore australiano Andrew Bovell in scena l’8 marzo. Una saga familiare che racconta del tempo come sapere e dimenticanza, ma anche di come il tempo meteorologico influenzi magicamente le nostre vite e cambi la Storia, e di come la Storia stia già cambiando il presente sull’ombra del futuro. Con questo spettacolo, Camilla Semino Favro è stata premiata come Migliore attrice emergente Le Maschere del Teatro Italiano 2019.

Come di consueto non mancano al Teatro Fabbri proposte di danza, musica e operetta: il 6 dicembre il Balletto di Siena allestisce Grande suite classique verdiana. Un omaggio a Giuseppe Verdi: le coreografie sono state create a partire da frammenti delle opere verdiane più conosciute, intrecciandole alle vicende biografiche del compositore. Il Pipistrello, di Johann Strauss, è il nuovo allestimento della Compagnia Corrado Abbati in scena il 13 febbraio. Con le sue melodie e la struttura dell’operetta-valzer, che lo stesso Strauss ha inventato, Il Pipistrello incarna lo spirito e l’essenza stessa della commedia musicale.

Gioele Dix firma la regia di Manicomic il nuovo spettacolo di Rimbamband in scena il 20 marzo. Il gruppo teatral-musicale comico, composto da Raffello Tullo, Renato Ciardo, Nicolò Pantaleo, Francesco Pagliarulo e Vittorio Bruno, ha creato un genere unico in cui il teatro e la comicità vanno a braccetto con la giocoleria, la clownerie, il mimo, il tip tap e la capacità musicale di ogni strumentista.

 

Informazioni: 
Teatro Ermanno Fabbri
tlf 0599120911
info.biglietteria@emiliaromagnateatro.com
vignola.emiliaromagnateatro.com
vendita nuovi abbonamenti: fino al 2 ottobre
vendita biglietti: dal 3 ottobre

 

 

(1 ottobre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 

 

 

 

 





 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*