PubblicitàAruba Fibra veloce
15.5 C
Modena
16.6 C
Roma

MODENA

Pubblicità

MODENA SPETTACOLI

Pubblicità
HomeL'Opinione ModenaDi moschee, di sedicenti articolisti e delle solite maledizioni al Sindaco

Di moschee, di sedicenti articolisti e delle solite maledizioni al Sindaco

GAIAITALIA.COM MODENA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di gaiaitaliapuntocomedizioni

E’ a intervalli più o meno regolari che dagli stessi tre o quattro account email arrivano “articoli” di sedicenti articolisti, professionisti di tre o quattro sedicenti professioni, sempre firmati con un altro nome che è facile immaginare non essere quello anagrafico, con più o meno regolari attacchi al Sindaco di Modena e alla sua gestione della città. Una volta il sedicente articolista, ma può essere anche qualcun altro, se la prende con la moschea, la volta dopo pure, poi con una rotonda, quindi col traffico e quindi, ci è già successo, anche con noi pubblicando recensioni completamente false sulla nostra pagina Facebook, perché si è sempre quello che si fa, non quello che si scrive. La nostra colpa è il non pubblicare i suoi deliri.

Francamente dei destini del Sindaco di Modena ci importa pochino; farà i conti – come chiunque governi – con il giudizio che del suo operato daranno i cittadini (se lo hanno eletto e poi rieletto, così incapace non sarà). I destini che ci interessano sono i nostri, e ci interessano così tanto da non consentirci di pubblicare articoli che non vengono nemmeno firmati, se non con un nome altro, che partono dalla pancia e non entrano nel merito, preferendo le solite accuse vaghe e pochissimo circostanziate. Questo al fine di evitare una lunga sequela di querele dalle quali staremmo volentieri lontani.

Giusto per spiegare, in poche righe, perché questi sedicenti articolisti potrebbero evitare di inserirci nelle loro mailing list; posto che sono liberi di scrivere quello che vogliono noi siamo liberi di pubblicarli o no.

 

 

(16 aprile 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



CRONACA MODENA & REGIONE