22.7 C
Modena
lunedì, Giugno 27, 2022

Modena. Revocata la cittadinanza a Benito Mussolini. Fratelli d’Italia esce dall’aula

Altre da Modena

Condividi

di Redazione Modena

La Città di Modena ha revocato la cittadinanzaBenito Mussolini, dopo le polemiche che hanno accompagnato il secco “No” del consiglio comunale di Carpi che è sembrano più un attacco all’arma bianca nei confronti del Sindaco Bellelli che un’azione politica responsabile.

Il Consiglio Comunale modenese ha invece accolto e quindi approvato la delibera proposta dal sindaco revocando la cittadinanza onoraria concessa nel 1924, come avvenne in quel momento storico in tante altre città italiane, a Benito Mussolini, allora “capo del Governo e Duce del Fascismo”.

La delibera, proposta dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli, ha raccolto una sollecitazione avanzata dall’Anpi e da altre associazioni del territorio, ed è stata approvata nella seduta consiliare di giovedì 21 aprile dedicata alla Festa della Liberazione, con il voto a favore di Pd, Sinistra per Modena, Europa verde-Verdi, Movimento 5 stelle. Con l’astensione naturale di Lega Modena e con Forza Italia che non ha partecipato al voto. Fratelli d’Italia è uscita dall’aula come annunciato. La cittadinanza onoraria al Duce venne concessa “per acclamazione” e non fu mai formalmente revocata fino al 21 aprile: “Lo facciamo oggi, in vista delle celebrazioni istituzionali per la Festa della Liberazione – ha sottolineato Muzzarelli – non certo per riscrivere la storia ma, come abbiamo evidenziato in delibera, per guardare al presente e al futuro, per respingere i fascismi contemporanei, per promuovere una cultura di pace”.

Chi esce dall’aula, evidentemente, a respingere i fascismi contemporanei non ci pensa nemmeno.

 

(22 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata