A Palazzo Comunale Ludovico Lana “Pittore della Peste”, il 6 settembre

0Shares

di Redazione #Modena twitter@modenanewsgaia #Cultura

 

Nuova proposta di approfondimento sui tesori del Palazzo Comunale di Modena, a cura di Ar/s Archeosistemi col servizio comunale Promozione della città e Turismo. Domenica 6 settembre alle 18 si svolge, in sicurezza e nel rispetto delle prescrizioni anti Covid con mascherina e distanziamento, una visita guidata alle Sale storiche del Palazzo su “Ludovico Lana, il pittore della peste di Modena e i suoi capolavori”.

La prenotazione è obbligatoria via e-mail (torreghirlandina@comune.modena.it) o allo Iat, informazioni e accoglienza turistica di piazza Grande 14 (tel. 059 2032660), fino all’esaurimento dei 14 posti disponibili.

Il ritrovo per i partecipanti domenica 6 è alle 17,45 in cima allo scalone del Municipio in piazza Grande per l’acquisto del biglietto. Infatti, la visita guidata, della durata di 40 minuti circa, è gratuita, ma costa 2 euro l’ingresso, gratuito per bimbi fino a 5 anni, guide turistiche, interpreti, giornalisti, disabili e accompagnatori.

Il percorso proposto ai visitatori, dopo un breve tour delle Sale, approfondirà le vicende relative alla terribile pestilenza che nel 1630 si abbatté anche su Modena.

In seguito a questo avvenimento, Ludovico Lana, pittore di corte del Duca Francesco I d’Este, realizzò il gonfalone “La Madonna del Rosario e San Geminiano”, oggi esposto nella “Sala del Vecchio Consiglio” e “la Pala della Peste”, custodita all’interno della Chiesa del Voto in via Emilia centro, affacciata su corso Duomo.

Le Sale storiche di Palazzo Comunale in piazza Grande sono visitabili con guide nei pomeriggi di domenica e festivi, nell’ambito delle attività di valorizzazione del sito Unesco di Modena, con Duomo e Ghirlandina patrimonio dell’Umanità. A queste visite, che partono ogni 45 minuti dalle 15.15 alle 18.15, si aggiungono ogni prima domenica del mese i percorsi di approfondimento alle 18, che sostituiscono l’ultimo turno delle 18.15. Informazioni online www.visitmodena.it.

 

(3 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata