PubblicitàAruba Fibra veloce
5.9 C
Modena
10.3 C
Roma

MODENA

Pubblicità

MODENA SPETTACOLI

Pubblicità
HomeCopertina ModenaAl Teatro delle Passioni "Giorni Felici" di Samuel Beckett, dal 19 febbraio...

Al Teatro delle Passioni “Giorni Felici” di Samuel Beckett, dal 19 febbraio al 3 marzo

GAIAITALIA.COM MODENA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Massimiliano Civica, regista tre volte Premio Ubu e attuale Direttore del Teatro Metastasio di Prato, dal 29 febbraio al 3 marzo porta sul palco del Nuovo Teatro delle Passioni di Modena Giorni felici, uno dei capolavori del drammaturgo irlandese Samuel Beckett, dirigendo in scena due grandi interpreti del teatro italiano: Monica Demuru, attrice, cantante e autrice, con un percorso di ricerca sulla vocalità tra musicalità pura e attenzione drammaturgica; e Roberto Abbiati, attore di teatro e di cinema, musicista e illustratore di diversi libri tra cui del suo romanzo a disegni Moby Dick o la Balena (Keller, 2017).

Giorni felici è un dramma in due atti scritto nel 1961, per lungo tempo poco riconosciuto dalla critica e successivamente annoverato tra i testi più alti di Beckett. Come nella sua opera più celebre Aspettando Godot, l’autore svuota il dialogo della sua funzione significante e porta i protagonisti a una totale inazione. La conversazione e la situazione in cui riversano i due personaggi di Giorni felici – Winnie, una donna sulla cinquantina, e suo marito Willie, un uomo di sessant’anni dal cranio rotto e vuoto – divengono una chiara espressione della misera condizione umana.

La coppia vive immobile, immersa nella sabbia: la donna è sepolta nel cumulo prima fino al busto e poi fino al collo, mentre il marito abita in una cavità del monticello sabbioso, alle spalle della moglie e quasi fuori dal suo campo visivo. Winnie non riesce più a muoversi, ma questa esistenza sembra starle bene: afferma infatti di continuo che quello che verrà sarà un altro giorno felice. Willie al contrario è ancora in grado di strisciare fuori dal suo buco per leggere il giornale o per masturbarsi, e al continuo chiacchiericcio di lei risponde a monosillabi.

“Quel monticello di sabbia è il colpo di genio di Beckett – commenta Massimiliano Civica – una volta accettate le sue “assurde” premesse (che una donna viva in un deserto bloccata dentro un cumolo di sabbia con accanto un marito a mobilità ridotta), ci troviamo davanti a un testo realista, ad una situazione e a un rapporto tra i personaggi improntati ad una assoluta “banale” quotidianità. Voglio dire che se io o voi ci trovassimo nelle condizioni di Willie e Winnie, faremmo gli stessi discorsi e condurremmo, suppergiù nello stesso modo, il ménage familiare”.

Winnie a un certo punto non riuscirà nemmeno più a voltarsi per guardare l’amato, ma nonostante la condizione di totale immobilità, resta sorprendentemente ottimista: solo pochi accenni al fatto che il marito vive alle sue spalle fanno presagire una punta di amarezza. L’assurdo di Beckett, allora, sembra non risiedere tanto nella conversazione vuota fra i due, quanto nella loro situazione fisica. Da queste constatazioni, la versione di Civica parte proprio dal cumulo di sabbia, in cui i due interpreti sono immersi, semi-moventi.


Giorni felici
di Samuel Beckett
traduzione Carlo Fruttero
uno spettacolo di Massimiliano Civica
con Roberto Abbiati e Monica Demuru
produzione Teatro Metastasio di Prato

In accordo con Arcadia & Ricono Ltd per gentile concessione di The Estate of Samuel Beckett c/o Curtis Brown Group Limited.

Info: 059 2136021 | biglietteria@emiliaromagnateatro.com | biglietteria aperta solo nei giorni di spettacolo un’ora prima dell’inizio.

 

 

(20 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



CRONACA MODENA & REGIONE