PubblicitàAruba Fibra veloce

MODENA

Pubblicità

MODENA SPETTACOLI

Pubblicità
HomeFormigineDi mafia parliamo anche d’estate, ultimo appuntamento dell'edizione 2023 a Formigine il...

Di mafia parliamo anche d’estate, ultimo appuntamento dell’edizione 2023 a Formigine il 21 luglio

GAIAITALIA.COM MODENA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Ultimo appuntamento venerdì 21 luglio alle 21 presso il castello di Formigine (MO) con “Di mafia parliamo anche d’estate”, rassegna organizzata dal Comune, patrocinata da Avviso pubblico, ideata e condotta da Pierluigi Senatore. Ospite della serata Rosaria Costa, vedova di Vito Schifani morto nella strade di Capaci insieme a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Rosaria Costa presenterà il suo libro dal titolo “La mafia non deve fermarvi” edito da Rizzoli: “Per ultimo, Vito mi disse il nome di Giovanni Falcone. Mi ricordai del fallito attentato nella sua villa dell’Addaura e, come in un flashback, sentii le sirene. In quel momento alzai lo sguardo verso l’orizzonte, come in cerca di qualcosa che potesse convincere Vito a lasciar perdere quell’incarico così pericoloso, e notai delle nuvole nere che avevano oscurato il cielo azzurro”.

Con queste parole, Rosaria Costa, vedova dell’agente Vito Schifani, caduto con Falcone a Capaci, rievoca il momento in cui il suo giovane sposo le disse orgoglioso che sarebbe entrato nella scorta del giudice. La storia è poi tragicamente nota e tutta l’Italia ricorda il suo grido di dolore che ai funerali di Stato scosse universalmente le coscienze. Come racconta per la prima volta in questo libro toccante, Rosaria Costa all’inizio rimase in Sicilia, lei che, provenendo da una famiglia modesta e onesta, era cresciuta nello spietato contesto della “Palermo di un morto al giorno”. Voleva lottare, reclamare il proprio diritto ad avere Giustizia, e per questo si avvicinò a Borsellino legandosi a lui, ma la strage di via D’Amelio rinnovò presto lo stesso dolore. Gli anni successivi, segnati dall’arresto di Totò Riina, la videro sempre in prima fila in quella che, da allora e ancora oggi, lei interpreta come una missione di testimonianza. Arrivò anche un giorno in cui per Rosaria rimanere in Sicilia non fu più sostenibile e si trasferì in Liguria per costruirsi una nuova vita, dopo la devastazione di tanto indicibile dolore. Ma oggi è riuscita a tornare nella sua terra d’origine, come donna nuova e come testimone diretta di un’epoca drammatica, consapevole di dover continuare a tenere alta la bandiera della legalità.

Rosaria Costa è la vedova di Vito Schifani, ucciso assieme al giudice Giovanni Falcone nella strage di Capaci. Colpita da questa sciagura a soli 22 anni e con un bambino di 4 mesi, è diventata nota nel mondo intero per il suo dolentissimo discorso al funerale di Stato per le vittime della strage. Oggi vive in Liguria, dove ha anche cresciuto suo figlio diventato capitano della Guardia di Finanza.

 

 

(17 luglio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



CRONACA MODENA & REGIONE