14.2 C
Modena
venerdì, Settembre 30, 2022

Meloni: “Il PNRR si può perfezionare”, disse quella che a Bruxelles votava contro

Altre da Modena

Condividi

di Giancarlo Grassi

Ecco Meloni a Cernobbio che lancia il suo aforisma: “Il PNRR si può perfezionare” come se lei sapesse come, e non lo sa, come se avesse gli uomini per farlo, e non ce li ha, come se non fosse lì di fronte a una platea che sa perfettamente di essere a rischio non solo per la contingenza geoeconomica e geopolitica, ma anche per la maggioranza parlamentare che tutti prefigurano. Anche se non è detto che andrà proprio così.

La ex-vicepresidente della Camera (4 maggio 2006 – 28 aprile 2008), deputata dal 2006, già ministra della Gioventù nel fallimentare governo Berlusconi che portò l’Italia sull’orlo del default indossa la veste dell’economista esperta, senza dimenticare che il partito votò contro il PNRR a Bruxelles insieme alle Lega, tanto perché a Cernobbio capiscano bene con chi avranno a che fare. Anche se lo sanno già.

E’ una delle tante proposte geniali che i rappresentati delle destre hanno buttato lì a Cernobbio senza avere la purché minima idea di come realizzeranno tutto quello che stanno promettendo, e stanno promettendo la qualunque, né con quali soldi faranno ciò che promettono. Tanto la storia dura dal 1994: promettono l’impossibile e non mantengono nemmeno ciò che sarebbe possibile fare. Ai bordi dell’ennesimo suicidio.

 

(4 settembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata