16.4 C
Modena
lunedì, Settembre 27, 2021
HomeComune di ModenaModena ha duecentoquarantuno nuovi cittadini "di serie A". Parola di Sindaco Muzzarelli

Modena ha duecentoquarantuno nuovi cittadini “di serie A”. Parola di Sindaco Muzzarelli

di Redazione, #Modena

“Ora anche voi siete cittadini di Modena, sentitevi tutti cittadini di seria A con gli stessi diritti e doveri e quando passate in piazza Grande sentitevi anche di salire lo scalone del Municipio e di venire a parlare col sindaco che prima di decidere ascolta sempre volentieri, perché è tutti assieme che dobbiamo costruire un mondo migliore”.

Così il sindaco Gian Carlo Muzzarelli si è rivolto a scolaresche e docenti delle classi quinte delle scuole primarie della città collegate on line in occasione dell’iniziativa “Bambino=Cittadino” che ormai da anni vede l’amministrazione comunale, su indicazione del Consiglio, conferire simbolicamente la cittadinanza onoraria ai bambini di 10 anni nati da famiglie migranti residenti a Modena. Purtroppo, e non per demerito della Città o della sua Amministrazione, un atto puramente simbolico che il Medio Evo voluto dalla destra mantiene nell’oscurantismo della Bossi-Fini.

Quest’anno, come lo scorso, a causa dell’emergenza sanitaria, bambini, famiglie, maestre e compagni di classe non hanno potuto riunirsi a centinaia a Forum Monzani, ma è stato comunque organizzato un momento di condivisione a distanza per sottolineare la cittadinanza onoraria conferita a 241 bambini.

Le loro famiglie provengono da 32 nazioni diverse: tanti da Marocco, Albania, Filippine, Ghana, Romania e Albania, ma anche da Cina, Polonia, Pakistan, Moldavia, Nigeria, Algeria, Bangladesh, Tunisia e qualcuno pure da Tanzania, Mali, Slovacchia, Etiopia, India, Kazakistan, Perù e da altri paesi ancora. Per tutti questi bambini Modena è la città dove i genitori hanno trovato lavoro e si sono stabiliti, dove loro sono nati e cresciuti, dove frequentano la scuola, fanno sport e hanno gli amici. In una parola: la loro città.

Quando al presidente Fabio Poggi collegato proprio dall’aula del Consiglio comunale insieme all’assessora all’Istruzione Grazia Baracchi, Manuela un’alunna della 5 A della scuola Leopardi ha chiesto “cos’è la cittadinanza e perché devo prenderla”, lui ha risposto: “Non avere la cittadinanza è come far parte di una squadra, allenarsi, sentirsi pronti e non essere mai chiamati in campo a giocare. Giocare la partita vuol dire divertirsi, ma anche partecipare e dare il proprio contributo alla squadra”. “Se già non siete cittadini italiani – ha aggiunto il sindaco a Giacomo che lo interrogava su questo – è perché la legge italiana non lo prevede, ma è un problema che abbiamo già sollevato e chiesto di risolvere. Qui a Modena lo siete ed è tutti insieme che, dopo questa brutta avventura del Covid – che è capitato di prendere anche a me, nonostante sia stato molto prudente – dobbiamo rilanciare un profondo senso della comunità per creare opportunità e sviluppare le capacità di ciascuno”.

Sul tema dei diritti e della cittadinanza i bambini delle classi quinte delle scuole primarie hanno riflettuto e lavorato in questi mesi, prima durante la didattica a distanza e poi in presenza, grazie a “L’albero dei diritti”, il percorso didattico di Unicef che anche quest’anno ha partecipato a “Bambino=Cittadino” attraverso il referente per Modena Lorenzo Iughetti, che dal reparto di Pediatria del Policlinico ha lanciato a tutti un messaggio video inequivocabile: “La cittadinanza onoraria è il modo in cui Modena vi onora e vi riconosce protagonisti del suo futuro ed è al tempo stesso la via attraverso cui voi dovete onorare la città impegnandovi a far rispettare i diritti di tutti”.

Tante le domande giunte dalle classi collegate on line per sindaco e presidente Poggi: “Arriverà un giorno in cui tutti i bambini avranno la cittadinanza nella loro città e in cui anche nel resto del mondo saranno garantiti i diritti? “Sì – ha risposto Poggi senza esitazioni – non perché sono un utopista, ma perché è già successo per tante cose importanti, come per il voto, che con l’impegno e la volontà di tanti si riuscissero a conquistare grandi diritti”. E il sindaco ha sottolineato anche “il lavoro straordinario di Unicef per dare dignità e un futuro a tutti bambini”.

“Bambino=Cittadino in un sms?” “Bambino=Cittadino è ogni Primavera la festa più bella per il futuro di Modena” ha risposto il sindaco suscitando l’applauso . “Che cosa mi consigliate di mettere nello zaino quando vado a scuola, oltre a tutto quello che già c’è?”, ha chiesto un altro bambino. “Innanzitutto, tanto entusiasmo” ha risposto Muzzarelli mostrando il suo di zaini, “ma non dimenticate matite per colorare la città e un evidenziatore per evidenziare le cose che non vanno” – ha aggiunto Poggi – e prendete alla lettera il sindaco”. A Samuele e Marica che gli avevano chiesto se fosse difficile fare il sindaco, Muzzarelli ha infatti confessato che “è un mestiere di grande impegno, responsabilità e soddisfazione in cui è fondamentale l’ascolto “perché c’è un tempo per ascoltare e un tempo per decidere e a me piace fare entrambe le cose”.

L’invito a farsi sentire, a partecipare alla vita scolastica e della città, anche aderendo alla proposta di inviare a Memo tramite gli insegnanti un’idea per migliorare il proprio quartiere, è stata, infine, sottolineata dell’assessora Baracchi che nei saluti conclusivi ha ringraziato bambini e docenti “perché anche quella di oggi è una prova di cosa significa veramente essere scuola”.

 

(16 aprile 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



POTREBBERO INTERESSARTI
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE