15.9 C
Modena
martedì, Giugno 6, 2023
Pubblicità

Massimo Mezzetti nel consiglio di indirizzo di Ago Modena Fabbriche culturali

Altre da Modena

Se Paola De Micheli attacca Schlein dai giornali di destra: classe, stile e politica…

"Il risultato elettorale era prevedibile", certo. Ma i candidati chi li ha scelti? Siamo sempre al "meglio un PD al 15% gestito da noi che uno al 20% gestito da un'intrusa" (perché tale la considerano)....

Condividi

di Redazione Modena

Sarà Massimo Mezzetti il rappresentante del Comune di Modena nel consiglio di indirizzo di Ago Modena Fabbriche culturali, la fondazione di partecipazione in fase di costituzione che gestirà le attività e i servizi culturali, di accoglienza, didattica e formazione previsti nel complesso dell’ex Sant’Agostino in corso di riqualificazione, nell’ambito del più ampio progetto del polo culturale che comprende anche il Palazzo dei Musei, l’ex Ospedale Estense e largo Sant’Agostino.

Lo ha annunciato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, durante il Consiglio comunale di giovedì 13 aprile, insieme alla conferma di Francesco Ori nell’incarico di amministratore unico di Formodena e ai quattro componenti del Consiglio d’indirizzo della Fondazione di Modena nominati dal Comune: Silvana Borsari, Eleonora De Marco, Mirella Guicciardi, Matteo Tiezzi.

Il sindaco, che ha ricordato il percorso avviato con l’avviso pubblico per la raccolta delle candidature e proseguito con le audizioni da parte delle commissioni consiliari in seduta congiunta. ha comunicato anche la designazione di Daniela Manicardi nel consiglio di amministrazione del Charitas, l’Asp che si occupa di servizi assistenziali per disabili, e la conferma dell’attuale presidente Mauro Famigli nel consiglio di amministrazione della fondazione della Scuola interregionale di Polizia locale.

Massimo Mezzetti, 60 anni, operatore culturale, già assessore regionale alla Cultura (lo era stato in precedenza anche al Comune di Modena), resterà in carica nel consiglio d’indirizzo di Ago per quattro esercizi. La Fondazione, iscritta al registro degli Enti del Terzo settore, sarà costituita da Comune di Modena, Unimore e Fondazione di Modena come soci fondatori. Nell’atto costitutivo verrà decisa l’eventuale remunerazione dell’incarico.

I quattro componenti del Consiglio d’indirizzo della Fondazione di Modena designati dal Comune resteranno in carica fino all’approvazione del bilancio relativo all’esercizio dell’anno 2026, è previsto un gettone di presenza il cui importo è fissato dal Consiglio d’indirizzo.  L’ex giudice Eleonora De Marco e il commercialista Matteo Tiezzi fanno parte del Consiglio d’amministrazione uscente della Fondazione (Tiezzi come vice presidente), mentre l’avvocata Mirella Guicciardi, presidente della commissione Pari opportunità del Comitato unitario delle professioni (Cup), è confermata nel Consiglio d’indirizzo. La dottoressa Silvana Borsari, specializzata in Ostetricia e Ginecologia, per anni direttrice sanitaria dell’Azienda Usl, è già stata componente del cda della Fondazione tra il 2015 e il 2019.

L’incarico di amministratore unico di Formodena, la società consortile che si occupa di formazione professionale per diversi Comuni del territorio modenese, è per tre esercizi sociali e l’Assemblea dei soci può deliberare un compenso. Francesco Ori era l’unico candidato. Il consiglio di amministrazione del Charitas, nel quale è stata confermata la commercialista Daniela Manicardi, rimane in carica cinque anni, l’assemblea dei soci può deliberare un gettone di presenza.

 

 

(13 aprile 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata