7.9 C
Modena
martedì, Dicembre 6, 2022

Giuseppe Maria Soli, conferenza su Largo Sant’Agostino

Altre da Modena

Condividi

di Redazione Cultura

Si conclude, sabato 19 novembre, il ciclo di conferenze dedicate all’opera dell’architetto modenese Giuseppe Maria Soli proposte al pubblico in occasione del bicentenario della morte.

L’incontro, in programma alle 10 nella sala Ex Oratorio di Palazzo dei Musei, si intitola “Largo Sant’Agostino. Passato e futuro di una piazza Estense” e ripercorre le vicende storiche della piazza, dal progetto settecentesco di Soli della porta neoclassica inserita nella formazione della piazza, al suo abbattimento (contemporaneo a quello delle mura cittadine) che ha riportato la piazza a largo di via Emilia, aperto alla nuova città novecentesca. Il tema della riqualificazione architettonica di largo Sant’Agostino è tornato di attualità nell’ambito dei progetti che riguardano il Palazzo dei Musei con l’ex Ospedale estense e l’ex Ospedale sant’Agostino. L’iniziativa è a cura dell’Ordine degli architetti e della Fondazione architetti della Provincia di Modena.

Ad approfondire il tema saranno gli architetti Franco Mancuso, docente in Conservazione, gestione e valorizzazione del patrimonio industriale all’Università di Padova, che contribuirà alla riflessione sul futuro della piazza anche alla luce della “Charte des places d’Europe”, e Giovanni Leoni, docente di Storia dell’architettura all’Università di Bologna, che introdurrà una riflessione sui destini della città storica italiana con attenzione particolare a Modena. L’incontro, che proseguirà fino a fine mattina, sarà presieduto dall’architetto Matteo Agnoletto, dell’Università di Bologna, e introdotto dall’architetto Giovanni Cerfogli, del Comune di Modena.

La conferenza è a ingresso libero; la partecipazione vale il riconoscimento di crediti formativi per gli iscritti all’Ordine degli Architetti.

Il programma delle conferenze è coordinato da Sofia Cattinari, presidente dell’Ordine degli Architetti di Modena e curato dalla stessa Sonia Cavicchioli con Carlo Mambriani e Vincenzo Vandelli.

Le iniziative per celebrare il bicentenario della morte di Giuseppe Maria Soli sono promosse da Museo Civico di Modena, Accademia nazionale di Scienze, Lettere ed Arti, Istituto “A. Venturi”, Fondazione Architetti della Provincia di Modena, con il patrocinio delle Università di Bologna e Parma, della Provincia di Modena e la collaborazione dell’Ufficio Beni Culturali Arcidiocesi di Modena e Nonantola e dell’Archivio di Stato; e con il sostegno di Opificio Bio Aedilizia, di Ceramiche Marca Corona, Candini Impresa di restauro e Amici delle Gallerie Estensi.

 

 

(18 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata