PubblicitàAruba Fibra veloce

MODENA

Pubblicità

MODENA SPETTACOLI

Pubblicità
HomeComune di ModenaComune di Modena. Un Bilancio a misura di "normalità" e PNRR

Comune di Modena. Un Bilancio a misura di “normalità” e PNRR

GAIAITALIA.COM MODENA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Modena

Punta decisamente sul Pnrr il Bilancio del Comune di Modena che propone investimenti in grado di creare occupazione e garantire un’adeguata manutenzione del patrimonio pubblico, proseguendo anche gli interventi di riqualificazione e rigenerazione della città sfruttando ogni opportunità di intercettare finanziamenti nazionali ed europei a partire, appunto, dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Gli obiettivi della manovra finanziaria, inoltre, sono quelli di consolidare i servizi che rappresentano un sistema efficace di protezione sociale per persone e famiglie (con un welfare integrato che comprende, tra gli altri, scuola, sociale, cultura, pari opportunità, sport) e nello stesso tempo rilanciare il sostegno al lavoro e allo sviluppo economico, con il blocco di tasse e tariffe, la conferma del piano occupazionale e un’ulteriore spinta per la digitalizzazione e semplificazione della pubblica amministrazione.

Sono questi i principali elementi della proposta di Bilancio previsionale 2022-2024 del Comune che è stata illustrata al Consiglio comunale oggi, giovedì 3 febbraio, dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli e dal vice sindaco e assessore al Bilancio Gianpietro Cavazza sottolineando come l’emergenza Covid non sia ancora superata “ma con questo bilancio solido muoviamo i primi passi nella nuova normalità” nella consapevolezza che serviranno ulteriori interventi economici per rispondere alle necessità di famiglie e imprese create dall’emergenza sanitaria, che ha acuito le diseguaglianze già esistenti e ne ha create di nuove, così come alle esigenze dettate dalla crisi energetica per affrontare la quale servono misure urgenti del Governo: “Garantiremo il funzionamento delle strutture comunali e dei servizi – ha assicurato il sindaco – e siamo al lavoro per sostenere famiglie e associazioni, ma il tema energia va affrontato a livello nazionale. Spero, comunque, che il Governo ci consenta di dirottare su questa emergenza una parte del Fondo funzioni fondamentali creato per il Covid: sarebbe un passo avanti”.

Il volume delle spese correnti per il 2022 è fissato in 252,5 milioni di euro, consolidando e sviluppando il dato nel bilancio iniziale dello scorso anno (250,7) al quale poi si sono aggiunte le risorse straordinarie dell’emergenza sanitaria. Per il 2023 e il 2024 le previsioni di spesa corrente tornano sui valori pre Covid, intorno ai 231-232 milioni di euro “ma dobbiamo muoverci con prudenza e flessibilità – ha affermato il sindaco – per non correre il rischio di incespicare in un gradino muovendo i primi passi nella nuova normalità. E serve maggiore sostegno agli enti locali da parte del Governo: non sono state accolte le richieste presentate da Anci”.

L’obiettivo del 2022 è il mantenimento del volume e della qualità dei servizi erogati (62 milioni di euro la cifra assegnata al welfare integrato), adattati anche alle nuove esigenze e ai vincoli determinati dall’emergenza sanitaria. Come negli anni scorsi, si prevede già l’applicazione dell’avanzo presunto 2021: circa 5 milioni per la spesa corrente, quasi 3,5 milioni per il conto capitale, con una particolare attenzione a destinare risorse per i cofinanziamenti necessari agli investimenti finanziati dal Pnrr o da altri contributi nazionali ed europei.

Insieme ai documenti finanziari e al Piano triennale degli investimenti (quasi 200 milioni nel triennio, 150 già previsti nel 2022) è stata presentata anche la nota di aggiornamento al Dup che descrive le strategie di governo e gli obiettivi indicando le misure economiche, finanziarie e gestionali necessarie a realizzarli.

L’approvazione del bilancio è in programma tra un mese, mentre ora parte il percorso di approfondimento nelle diverse commissioni consiliari e con i Quartieri, per la definizione di emendamenti (15 giorni il termine per presentarli) e ordini del giorno che saranno discussi nella seduta in programma giovedì 3 marzo.

Le tariffe del canone unico patrimoniale introdotte lo scorso anno sono confermate, ma è già in programma un emendamento per recepire in bilancio il ristoro statale per l’esenzione Covid del primo trimestre dovuto per le occupazioni di suolo pubblico dei pubblici esercizi e degli ambulanti. Nello stesso emendamento è previsto anche l’adeguamento delle indennità degli amministratori previsto dalla Legge di bilancio che dovrebbe essere coperto da trasferimenti statali e verrà applicato con gradualità.

 

(3 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



CRONACA MODENA & REGIONE