“Lorca sogna Shakespeare in una notte di mezza estate” all’Arena del Sole dal 19 al 24 novembre

di Redazione, #Bologna twitter@bolognanewsgaia #Spettacoli

 

Dal 19 al 24 novembre 2019 al Teatro Arena del Sole va in scena Lorca sogna Shakespeare in una notte di mezza estate, una creazione di Davide Carnevali, drammaturgo italiano tra i più apprezzati in Italia e all’estero, che continua a collaborare con ERT dopo Menelao. Lo spettacolo è una produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, CSS Teatro stabile di innovazione del FVG.

Insieme agli attori Michele Dell’Utri, Simone Francia e Maria Vittoria Scarlattei, Davide Carnevali mette in scena un originale spettacolo di teatro partecipato, che si ispira a due testi di Federico García Lorca, Il pubblico (1930) e Commedia senza titolo (1936), contenuti nella Trilogia del teatro impossibile, lavoro più ampio sul problema della rappresentazione teatrale. Passando attraverso le opere di William Shakespeare, in particolare Romeo e Giulietta e Sogno di una notte di mezza estate, simboli assoluti di teatralità e a loro volta fonte d’ispirazione per Lorca stesso, la pièce di Carnevali intende riflettere sul potere del teatro, sulla sua capacità di coinvolgere gli spettatori e stimolarli a un’attività critica nei confronti del teatro stesso e della società.
Questo progetto si inserisce nella linea tracciata in questi anni da ERT Fondazione con un insieme di attività che considerano il pubblico come parte integrante del momento creativo, facendo del luogo teatrale non solo un ente di produzione, ma un luogo di inclusione e condivisione per chi vi entra.
«Di solito uno spettatore viene a teatro tranquillo perché sa che nessuno farà caso alla sua presenza. Ma… ma non sarebbe meraviglioso se all’improvviso lo chiamassero sul palco e lo facessero parlare, e le luci di scena facessero prendere un po’ di colore a quel suo pallido viso da imboscato?». Questo si chiede Federico García Lorca nella sua Commedia senza titolo.

Il pubblico, così coinvolto nella costruzione stessa dello spettacolo, è portato a riflettere sul rapporto tra realtà e rappresentazione e sulle dinamiche che spingono l’individuo ad assumere, nella vita di tutti i giorni, un ruolo, una maschera. Ogni sera dieci spettatori sono chiamati a intervenire dal proprio posto o a salire sul palco, aiutati dagli attori e da un suggeritore che li guida con il copione alla mano, e si cimentano nell’inaspettato compito di recitare Shakespeare, nei ruoli della famosa coppia di amanti veronesi o degli artigiani del bosco di Atene di Sogno di una notte di mezza estate, attori “amatoriali” di una “commedia nella commedia”. E così che Giulietta, simbolo della dolcezza e dell’amore, diventa lo spunto per condurre una riflessione più profonda sul ruolo del teatro, sul suo potere di contenere argomenti in forme o in stereotipi, che diventano a loro volta parte dell’immaginario dello spettatore. E allora il compito degli attori e non attori è proprio quello di abbattere tali confini per costruire insieme un nuovo scenario condiviso. La trasformazione degli spettatori in attori diviene quindi il centro essenziale del lavoro: lo scopo non è solo quello di mostrare, ma anche quello di far vivere al pubblico stesso la costruzione di uno spettacolo, in cui la simulazione e la realtà si incontrano, si scontrano e dialogano. Carnevali conserva il nucleo essenziale delle opere di Lorca: rimane infatti l’idea che la platea non sia un semplice insieme di osservatori, ma una comunità di soggetti critici, che possono contribuire a cambiare lo stato delle cose. Tra le sue dichiarazioni riguardanti lo spettacolo, ricorda:

Lorca e Shakespeare sono stati, ciascuno a suo modo, due grandi interlocutori del proprio tempo. Noi viviamo in un contesto che vede una frattura profonda fra teatro e società. Come ricucire questa frattura? Come far intendere allo spettatore che il teatro può essere qualcosa di molto prossimo alla sua quotidianità? E in che modo ci può aiutare la tradizione? Per noi, riprendere Lorca e Shakespeare significa innanzitutto questo: capire quale parte della loro riflessione possa servirci ora per ricostruire il rapporto con il pubblico di oggi. Il teatro pubblico ha una responsabilità verso i suoi cittadini: quella di offrirsi a loro come uno strumento di analisi del mondo che ci circonda.

Questi alcuni appuntamenti legati allo spettacolo: martedì 19 novembre, al Teatro Arena del Sole (Sala Thierry Salmon) al termine dello spettacolo, Conversando di teatro, incontro con Davide Carnevali e la compagnia; conduce Marzio Badalì. Giovedì 21 novembre, sempre al Teatro Arena del Sole,  al termine dello spettacolo segue la festa a cura del collettivo Sistema Solare.

Per Informazioni e biglietteria: Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna, biglietteria tel. 051 2910910 | biglietteria@arenadelsole.it | bologna.emiliaromagnateatro.com

 

 

(15 novembre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata