Nei rapporti col Comune Caleidos è ritenuta affidabile

di Redazione #Modena twitter@gaiaitaliacomlo #Politica

 

 

Così l’assessora Urbelli ha risposto a un’interrogazione di Luigia Santoro di Lega Nord: “Caleidos, in quanto appaltatore di diversi servizi a favore del Comune di Modena, è soggetta a regolari verifiche su aspetti considerati rilevanti e gli indicatori monitorati non mostrano elementi che mettano in discussione l’affidabilità della cooperativa a proseguire i rapporti contrattuali col Comune”. Lo ha sottolineato l’assessora al Welfare Giuliana Urbelli rispondendo giovedì 21 febbraio in Consiglio comunale all’interrogazione di Luigia Santoro di Lega nord. L’istanza, facendo riferimento a notizie riportate dalla stampa circa esposti presentati dalla società Hyma che gestisce il complesso di via delle Costellazioni, relativi a presunti mancati pagamenti per circa 600mila euro da parte di Caleidos e alla partecipazione di Caleidos, al progetto “Studio, sport e lavoro per l’integrazione” del Comune di Modena, finanziato con fondi europei e ministeriali, ha chiesto “se non si ritenga che l’esposizione di Caleidos nei confronti di Hyma sottenda serie difficoltà finanziarie e, qualora fossero confermate, se non si ritenga opportuno ritirare il finanziamento concesso”.

Rispetto alla situazione descritta Urbelli ha evidenziato che “la vertenza rientra nelle comuni controversie di ordine commerciale che sorgono frequentemente tra operatori economici privati; la presenza di debiti per prestazioni di servizi ricevute, quand’anche confermate e di importo significativo, dunque non implica necessariamente una situazione di difficoltà per l’impresa debitrice. L’affidabilità, serietà e capacità di un operatore economico nell’attivare e mantenere rapporti negoziali con la pubblica amministrazione – ha continuato l’assessora – viene valutata principalmente in relazione ad altri requisiti, in particolare quelli contemplati nel Codice dei Contratti Pubblici e il Comune di Modena, in occasione della procedura che ha portato all’avvio del progetto “Studio, sport e lavoro per l’Integrazione”, pur non trattandosi di un appalto pubblico, ha comunque chiesto ai candidati il soddisfacimento dei requisiti di partecipazione alle gare pubbliche”.

Urbelli ha quindi ricordato gli aspetti considerati rilevanti ai fini del mantenimento dei requisiti per negoziare con la pubblica amministrazione, in base ai quali Caleidos è soggetta a regolari verifiche: assenza di debiti relativi ad imposte verso l’Agenzia delle Entrate, assenza di debiti relativi a contributi previdenziali e assicurativi. Come pure non risultano segnalazioni circa  irregolarità nel pagamento delle retribuzioni al personale dipendente. L’assessore ha comunque aggiunto “che l’azione di controllo, sempre esercitata dall’Amministrazione nei confronti di tutti i contraenti, sarà mantenuta anche nei prossimi mesi per rilevare l’insorgere di eventuali segnali che possano pregiudicare l’affidabilità della ditta”.  In sede di replica, la consigliera Santoro, ha quindi constatato “che tra gli indicatori considerati rilevanti non viene annoverato il debito di 600mila euro contratto dalla cooperativa per le allocazione degli alloggi di via delle Costellazioni” e ha sollecitato a vigilare “perché se la situazione denunciata fosse vera, come amministrazione comunale dovreste prendere tutti i provvedimenti del caso”.

 




 

(23 febbraio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*